Mitologia Orientale

Creature mitologiche cinesi, coreane e giapponesi


Lascia un commento

Huli Jing nella novella cinese Fengshen Yanyi

Uno degli spiriti volpe (Húli Jing 狐狸精) più ignobili è Dájǐ (妲己), personaggio della novella dell’epoca Ming, Fēngshén Bǎng (封神榜 L’investitura degli dei).
Dájǐ è la bellissima figlia di un generale che è stata costretta a sposare il crudele tiranno Zhòu Xīn (紂辛).
Poichè Zhòu Xīn aveva offeso uno spirito volpe, servo la dea Nüwa, questo decide di impossessarsi del corpo della moglie e vendicarsi. Lo spirito sotto le spoglie della donna convince il marito a progettare crudeli complotti ed inventare dispositivi di tortura. Queste crudeltà spingono molte persone, persino i suoi ex generali, a rivoltarsi ed a combattere contro la dinastia di Zhòu Xīn, Shang. Dopo la caduta del tiranno uno dei suoi vassalli, il re Wen di Zhou, fonda una nuova dinastia sotto il suo nome, mentre lo spirito volpe, che ha posseduto Dájǐ, viene condannato dalla dea Nüwa per la sua eccessiva crudeltà.

Annunci


1 Commento

Festival Dell’Oriente

Locandina del Festival dell'OrienteSiete sempre stati affascinati dall’Oriente? Non avete mai avuto l’occasione di avvicinarvi a questa realtà? Dal 25 al 28 Aprile si svolgerà il Festival dell’Oriente a Milano Novegro, un evento che vi permetterà d’immergervi nelle diverse culture del continente asiatico. I paesi coinvolti saranno: India, Cina, Giappone, Thailandia, Indonesia, Marocco, Filippine, Vietnam, Tibet, Egitto, Uzbekistan, Mongolia,Nepal, Birmania, Corea, Cambogia.
La fiera offre stand di tutti i tipi, cerimonie tradizionali, spettacoli folkloristici, concerti, incontri e seminari.

Per maggiori info visitate il loro sito: Festival dell’oriente

Pareri: L’anno scorso ho partecipato alla terza edizione del Festival dell’Oriente a Carrara e tutto sommato non era male, anche perché erano forti delle precedenti edizioni.

Continua a leggere


Lascia un commento

Il Drago cinese. I quattro re Draghi (Parte II)

Come detto nell’articolo precedente, secondo la credenza popolare i draghi cinesi sono fortemente associati all’acqua, infatti si pensava che fossero in grado di muovere vasti bacini d’acqua.

Quando si parla della divinità dell’acqua e del tempo, s’intende un drago che assume una forma antropomorfa, spesso umanoide, vive nelle profondità dei mari all’interno di un palazzo di cristallo sottomarino, cibandosi di perle e opali. Inoltre possiede una corte regale e un esercito composta da varie creature marine.

Esistono quattro draghi sovrani, ognuno corrispondente ad uno dei quattro punti cardinali: il Mare dell’est (corrisponde al mare del Sud Est della Cina),  il mare del Sud (Mare del sud della Cina), il mare dell’ovest (Oceano Indiano)  e il Mare dell’nord (Lago Baikal).

In tempi di siccità o di alluvioni, è consuetudine che la gentry locale e gli ufficiali offrano dei sacrifici e conducano dei riti religiosi per placare il dragone, affinché piova o smetta la catastrofe.


Lascia un commento

Il concetto di Yin e Yang

Simbolo dello Yin e Yang

Simbolo dello Yin e Yang

In futuro, nei miei articoli, parlerò spesso dello Yīn 阴 e dello Yáng 阳, che hanno origine dalla “filosofia” cinese.
Questo concetto è alla base della scienza classica cinese, della sua filosofia, della medicina tradizionale cinese e di molte arti marziali, per esempio Tàijíquán 太极拳, Qì Gōng 气功 e della divinazione Yì jīng 易經 (secondo Wade-Giles I Ching).Tutto il mondo manifesto si regge sui due principi Yīn e Yáng. Essi sono opposti complementari: qualunque cosa ha un suo opposto, non assoluto, ma in termini comparativi. Tra i 4 elementi solo il Cielo e la Terra posseggono in sé la purezza assoluta dello Yáng e dello Yīn, a parte questi nessuna cosa in genere è completamente Yīn o completamente Yáng (a meno che non sia appositamente purificata); dunque ogni cosa contiene il seme per il proprio opposto poiché tali principi sono mutevoli.
Lo Yīn e lo Yáng hanno radice uno nell’altro: sono interdipendenti, hanno origine reciproca, l’uno non può esistere senza l’altro. Continua a leggere


1 Commento

Il Drago Cinese (Parte I)

Drago cinese

Drago cinese

Il Drago è una creatura benefica rappresentata come un animale che ha preso in prestito caratteristiche di nove animali diversi:la testa dal cammello (oppure di coccodrillo), le corna dal cervo, gli occhi dal coniglio (o dal gamberetto, secondo altri), le orecchie dalla mucca, il corpo dalla lucertola (o serpente), il ventre dalla rana, le scaglie dalla carpa, le zampe o le palme dalla tigre, gli artigli dall’aquila (in altre le zampe dalla gallina).
Occasionalmente i draghi cinesi sono rappresentati con delle ali da pipistrello, ma la loro abilità di volare sono di tipo mistico e non di attributo fisico.
Col tempo il drago ha acquisito sempre più poteri soprannaturali, si dice che possa assumere le sembianze di un baco di seta o addirittura dimensioni pari a quelli dell’universo.
Secondo il folclore questa creatura è simbolo di forza, potere e buon auspicio, infatti nel capodanno cinese vengono spesso inscenate le danze del dragone. E’ anche il simbolo dell’Imperatore, il quale è garante dell’ordine e della prosperità dell’universo. Continua a leggere